IMU (annualità 2012-2013)

IMU (annualità 2012-2013)

Ufficio: Tributi
Referente: Frascati Roberto - Innocenti Barbara - Razzauti Simone
Responsabile: Gramigni Lucia
Indirizzo: Via Garibaldi 1 - 50039 Vicchio
Tel: 055/84.39.260 - 261 -264
Fax: 055/84.42.75
E-mail: tributi@comune.vicchio.fi.it
Orario di apertura: MARTEDI´ dalle ore 8,30 alle ore 12,30 - GIOVEDI´ dalle ore 8,30 alle ore 12,30 e dalle 14,30 alle 18,00 - SABATO dalle ore 8,30 alle ore 12,30 solo su appuntamento

Descrizione

ATTENZIONE - LE PRESENTI INFO IMU VENGONO MANTENUTE IN ESSERE SOLAMENTE FINTANTOCHE' LE ANNUALITA' 2012 E 2013 POTRANNO ESSERE OGGETTO DELL'ATTIVITA' ACCERTATIVA DELL'ENTE O DEL RAVVEDIMENTO DEI CONTRIBUENTI.

LE NOVITA' IN MATERIA DI IMU COME PARTE DELLA IUC SI TROVANO SULL'APPOSITA PAGINA DEL SITO INTERNET (IUC/IMU)

Informazioni

Per l'anno 2013 non era più dovuta l'IMU 2013  per le seguenti categorie di immobili:
  • abitazione principale e relative pertinenze (nella misura massima di un'unità per ciascuna delle categorie catastali C/2, C/6, C/7) previa presentazione di apposita denuncia per l'individuazione delle stesse;  E' comunque dovuta imposta se il fabbricato adibito ad abitazione principale risulta classificato nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9; AGGIORNAMENTO DEL 02.12.13: UN RECENTE DECRETO LEGGE HA STABILITO CHE E' COMUNQUE DOVUTA IL 40% DELL'IMPORTO CHE SCATURISCE DAL CALCOLO DELLA DIFFERENZA FRA ALIQUOTA DELIBERATA DAL COMUNE E QUELLA BASE (0,4%) - TALE VERSAMENTO VA FATTO ENTRO IL 16 GENNAIO
  • unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli IACP o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP;
  • terreni agricoli e fabbricati rurali di cui all’art. 13, commi 4, 5 e 8, del D.L. 06/12/2011 n. 201, convertito con modificazioni dalla Legge 22/12/2011 n. 214 e successive modificazioni.

PER COSA SI PAGAVA: si pagano tutti i FABBRICATI nonché le AREE FABBRICABILI (zone in cui si può fabbricare, ampliare, volumi edificatori ecc.). Solamente l’abitazione principale (più le sue pertinenze classificate C2, C6 o C7 nel limite massimo di una per ogni categoria e previa denuncia) gode dell'esenzione, a meno che non sia classata A1 - A8 - A9: in questi casi gode di un’aliquota agevolata nonché di una detrazione base di € 200 aumentabile in caso di figli minori di anni 26 residenti all’interno del nucleo familiare.

L'abitazione principale può essere UNA ED UNA SOLA per nucleo familiare (quindi marito e moglie non potranno chiedere agevolazione su due immobili diversi - in quanto è considerato “abitazione principale” l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Tale fabbricato è assoggettato all’IMU con aliquota agevolata. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi, le agevolazioni per l’abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile. Di fatto, in presenza di una famiglia che detiene due immobili (ad esempio la casa in città e quella in montagna o al mare) sarà impossibile dividere il nucleo familiare, stabilendo la residenza in due immobili diversi, al fine di duplicare le agevolazioni spettanti, appunto, per l'abitazione principale.
NOTA BENE - Non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica ai fini dell'applicazione della disciplina in materia di IMU concernente l'abitazione principale e le relative pertinenze, a un unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, purché il fabbricato non sia censito nelle categorie catastali A/1, A/8 o A/9, che sia posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, e, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 28, comma 1, del decreto legislativo 19 maggio 2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia. Per l'anno 2013, la disposizione di cui al primo periodo si applica a decorrere dal 1° luglio
 

 

Avvertenze

TRIBUTO VERSATO IN MISURA INFERIORE O NON VERSATO – POSSIBILITA’ DI “RAVVEDIMENTO OPEROSO”

Nel caso in cui non sia stato provveduto al pagamento di un tributo comunale entro i termini di legge è possibile provvedervi successivamente mediante il "ravvedimento operoso" che comporta alcuni calcoli. Per informativa si veda la modulistica allegata.

 

TRIBUTO VERSATO IN ECCESSO – POSSIBILITA’ DI RIMBORSI / COMPENSAZIONI

Qualora ci si accorga di aver versato in eccesso un tributo, si può chiederne il rimborso entro il 31/12 del quinto anno successivo al versamento. Si può anche chiedere di compensare tale eccesso con lo stesso tributo per altra annualità oppure per un diverso tributo comunale. Si veda la modulistica allegata per le modalità di richiesta.

Reclami ricorsi opposizioni

Il Comune, nell'ambito della propria attività di controllo, può notificare ENTRO IL 31/12 DEL QUINTO ANNO SUCCESSIVO, avvisi di accertamento per omessa, tardiva o infedele denuncia oppure per mancato pagamento della Tassa.

Qualora si riscontrassero inesattezze in tali atti, se ne può chiedere il riesame in autotutela mediante il modello di cui sotto, prima di proporre ricorso in commissione tributaria. SI consiglia di consultare il REGOLAMENTO PER GLI ISTITUTI DEFLATTIVI DEL CONTENZIOSO

 

RICHIESTA DI RIESAME (rettifica o annullamento) IN AUTOTUTELA – Il destinatario del provvedimento può presentare istanza in carta semplice (indirizzata all’ufficio tributi del Comune di Vicchio – Via Garibaldi 1 – 50039 Vicchio) per sollecitare l’avvio del procedimento di annullamento o di rettifica dell’atto stesso (ad esempio per errore di persona, errore logico o di calcolo, doppia imposizione, mancata considerazione di versamenti regolarmente effettuati, mancata considerazione di aliquote agevolate, detrazioni ecc.). L’istanza deve evidenziare l’errore commesso. Si prega di allegare copie di documentazione probatoria che non sia in possesso dell'ente (ad esempio bollettini di pagamento, notifiche di rendite, ecc.). L’istanza non interrompe i termini per il pagamento né per la proposizione di ricorso. E’ cura dell’ufficio cercare di rispondere celermente a tutte le istanze, ma il contribuente è pregato di monitorare i tempi e, casomai, di contattare personalmente (oppure telefonicamente o via mail) l’ufficio per farsi anticipare la decisione adottata in merito all’eventuale riesame della pratica. 

NOTA BENE - Chi fosse in possesso di PEC (casella di posta elettronica certificata) e gradisse utilizzare tale mezzo per l'invio di denunce e/o per la ricezione di comunicazioni da parte dell'ufficio, è pregato di utilizzare la mail certificata tributi.vicchio@anutel.it

 

PROPOSIZIONE DI RICORSO IN COMMISSIONE TRIBUTARIA – Contro l'atto di accertamento é ammesso ricorso su carta bollata (atti giudiziari) alla COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI FIRENZE (Via Fra’ Jacopo Passavanti 3) ai sensi del D.Lgs. 31.12.92 nr. 546 e successive modifiche, con le seguenti modalità:

– entro 60 giorni (tenendo conto dei termini di sospensione previsti dalla vigente normativa) dal ricevimento del provvedimento, il contribuente dovrà a pena di inammissibilità notificare il Suo ricorso all'Ufficio Tributi mediante consegna di copia al protocollo dell’Ente oppure con le modalità di cui agli artt. 137 e seguenti del Codice di Procedure Civile oppure a mezzo del servizio postale (raccomandata con avviso di ricevimento - in quest’ultimo caso la data di spedizione ha valore quale data di presentazione).

– nei successivi 30 giorni il ricorrente dovrà a pena di inammissibilità, provvedere alla sua costituzione in giudizio depositando presso la segreteria della Commissione il fascicolo con:

 1) il ricorso originale se la notifica all'Ufficio Tributi è avvenuta con le norme di cui agli artt. 137 e seguenti c.p.c., oppure la copia se la notifica è avvenuta mediante deposito diretto o tramite spedizione postale;

 2) l'originale o la fotocopia del provvedimento impugnato;

 3) gli originali o le copie dei documenti prodotti a propria difesa da elencare nel ricorso cui sono allegati.

Per i ricorsi proposti dai contribuenti a partire dal 1° gennaio 2016 si attiva la procedura di RECLAMO   e non potranno essere depositati in commissione tributaria prima del decorso di 90 giorni dalla loro notifica. In caso contrario, il ricorso è improcedibile, come da Articolo 17 bis – D.Lgs.546/1992 così come modificato da: Decreto legislativo del 24/09/2015 n. 156 Articolo 9, ovvero: 1. Per le controversie di valore non superiore a ventimila euro, il ricorso produce anche gli effetti di un reclamo e puo' contenere una proposta di mediazione con rideterminazione dell'ammontare della pretesa. Il valore di cui al periodo precedente e' determinato secondo le disposizioni di cui all'articolo 12, comma 2. Le controversie di valore indeterminabile non sono reclamabili, ad eccezione di quelle di cui all'articolo 2, comma 2, primo periodo. 2. Il ricorso non e' procedibile fino alla scadenza del termine di novanta giorni dalla data di notifica, entro il quale deve essere conclusa la procedura di cui al presente articolo. Si applica la sospensione dei termini processuali nel periodo feriale. 3. Il termine per la costituzione in giudizio del ricorrente decorre dalla scadenza del termine di cui al comma 2. Se la Commissione rileva che la costituzione e' avvenuta in data anteriore rinvia la trattazione della causa per consentire l'esame del reclamo

Se l’importo dell’imposta o della maggiore imposta accertata/liquidata è superiore ad € 3000 (TREMILA) è necessario dare mandato ad un difensore abilitato all’assistenza tecnica nel processo tributario.

 

FEEDBACK

 

Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

 

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *