Arte

La storia di Vicchio esercita un fascino particolare, i resti delle antiche mura, le vecchie case, il paesaggio sembrano ricordare che Vicchio è stata la patria di due grandi pittori: Giotto e Beato Angelico.

 

Giotto
La critica contemporanea sembra aver identificato definitivamente la dimora natale del pittore, di famiglia contadina, sul colle di Vespignano a Vicchio. La casa di Giotto è meta ogni anno di numerosi visitatori. Nel 2001 sono stati festeggiati i 100 anni della posa in opera della statua del pittore nella piazza omonima nel centro del paese.
Il Comune di Vicchio ha aderito al programma europeo denominato Genius Loci che raccoglie diversi paesi europei che hanno dato i natali a personaggi illustri.

 

Beato Angelico
Secondo la critica più accreditata il Beato Angelico nacque tra il "Popolo di San Michele a Rupecanina", piccola frazione poco distante dal capoluogo. Il suo vero nome era Guido di Piero Tosini, divenuto monaco con il nome di fra Giovanni, è conosciuto comunemente come Beato Angelico perchè "angelica" (altissima, divina) fu considerata la sua arte.
Il nuovo Museo di Arte Sacra e Religiosità Popolare Beato Angelico, inaugurato nel giugno del 2000, è il frutto di un lavoro e di un impegno che affonda le radici negli anni sessanta, quando nei locali del Palazzo Comunale si cominciarono a raccogliere oggetti artistici da salvare, destinati ad una lenta distruzione o sottoposti a frequenti furti.
Il Museo si inserisce nel progetto di Museo Diffuso ed interessa il Mugello, l´Alto Mugello e la Val di Sieve.

 

Arte in Mugello
I Maestri del passato, che hanno avuto i natali in Mugello, hanno insegnato come il legame con il territorio è determinante per la connotazione e la qualità della propria arte. Per la promozione dell’arte e dei giovani artisti, è sorto un progetto "Arte Mugello" che si propone di realizzare ed incentivare esperienze di formazione artistico/culturale.
E´ attiva anche la Rete per la Cultura Contemporanea nel Levante Fiorentino nata con lo scopo di promuovere le arti e la cultura contemporanea nella Provincia di Firenze.

 

 

ENGLISH VERSION